Cerca nel sito...

Home - Territorio & storia - Storia & ricordi - La storia ci insegna -

Festa della donna 2017 - Cambiare si deve!


Immagine: Festa della Donna.

Un'interessantissima riflessione controcorrente di Valentina Saini

7 marzo 2016

Ve lo confesso, per me l’8 marzo è una festa sempre più insopportabile. Ogni anno che passa cresce in me la sensazione che sia solo una sorta di contentino culturale. Un’occasione per sentirci un po’ coccolate (domando: ma ci basta davvero così poco, un rametto di mimose o una scatola di dolci, per sentirci coccolate???); una scusa per ritrovarci con il gruppetto di amiche e rispolverare le solite battute trite e ritrite sulla superiorità femminile (del tipo: “Dio creò prima l’uomo e poi la donna: prima lo schizzo e poi l’opera d’arte”). E finita la festa, assolto l’obbligo di rivendicare trattamenti più giusti e maggiori attenzioni dai partner, si torna a casa, mansuete, alla routine di tutti i giorni.

Sarà che ho sempre trovato nauseante l’odore delle mimose, sarà che l’Italia non ha più nemmeno un ministero per le pari opportunità (abbiamo un dipartimento, per giunta senza una guida da quando la deputata Giovanna Martelli si è dimessa), ma non riesco a capire cosa ci sia da festeggiare…

Leggi tutto l'articolo sul sito Gli Stati Generali...



Immagine: Femminicidio in Italia.

Statistiche

Utenti : 110
Contenuti : 1375
Link web : 90
Tot. visite contenuti : 1652784

Chi è online

 72 visitatori online

Aggiungi questa pagina ai tuoi segnalibri...

deli.cio.usFacebookFriendfeedGoogle BookmarksLinkedinMySpaceTwitter